In fuga... da dove? E10 si trova all'improvviso in una clinica strana e silenziosa. Chi lo ha portato lì? Perchè? Come mai mentre scappa ha continui momenti di dejavu? Tanti interrogativi... una sola storia. Quella di E10.

 

Trama: E10 è il nome in codice di un uomo rinchiuso in un centro ricerche. E10 non ricorda chi è, né come sia arrivato in quel posto, capisce solo di essere una cavia. Sfruttando un momento di distrazione, ma anche capacità di combattimento inaspettate, E10, o Ethan come preferisce chiamarsi, si libera e fugge dal centro. La struttura si trova però su un'isola sperduta in mezzo all'Oceano Pacifico. La sua fuga ha le ore contate?

 

Recensione della Tana:

 

Lettori della Tana, oggi vi propongo un mini romanzo, o racconto che dir si voglia, che consiglio a un grande numero di quelli che tra voi mi seguono. Ha molti degli elementi che amo in una lettura e il narrare dell’autore mi ha tenuto con il filo sospeso fino alla fine. E10 non è il solito protagonista, non è un ragazzo che sa fare tutto o che sa trasformarsi in chissà quale animale mitologico o fantastico, ma è simile, più di quanto possiamo immaginare, a ognuno di noi.

Lo stile con cui viene narrata la sua storia è lineare ed equilibrato. L’autore riesce, in un gioco tra passato e presente, a illustrarci man mano le informazioni che andranno a creare il puzzle della nostra indagine. Dico indagine perché solo così si può definire il cercare di capire che cosa è capitato a E10.

Ma chi è veramente E10? Come è finito in quel laboratorio di ricerca che somiglia così tanto a un carcere? Perché ora che sta scappando, ha continui dejavu su ciò che sta facendo? E se lo avesse già fatto?
Questi sono tutti interrogativi che mi sono posta fin dal primo capitolo, quando il personaggio di E10 ci viene presentato come un paziente di una ben strana clinica. Tutto è strano e nuovo per lui. E l’affinità che si sente con esso spinge ad andare avanti per cercare di aiutarlo. Sapete come funziona, no? Se non si va avanti, è come se si lasciasse intrappolato il protagonista nella situazione indesiderata di turno. Se, invece, si va avanti nel leggere, lo si aiuta a capire e a stravolgere la trama.

 

 

CONTINUA A LEGGERE QUI...